Foto Foto Foto Foto Foto Foto Foto Foto Foto Foto Foto Foto Foto

Distante circa 70 km da Matera, a pochi km dal Mar Jonio, la cittadina dalla cui altura si gode una splendida vista della valle dell’Agri e fino al Golfo di Taranto, famosa per i suoi calanchi, esisteva già nel IV sec. a.C.
Il centro storico gode di numerosi e bei palazzi nobiliari, della chiesa di Santa Maria dell’Episcopio (XV sec.) e del cinque/seicentesco Corso Carlo Alberto che conduce fino alla Porta del Castello del XII sec. Questa introduce alla Terra Vecchia, gioiello medievale dalla straordinaria urbanistica, tra archi, volte, case soprane e sottane, e delimitata da mura di cinta del XII-XIII sec., di cui si conservano numerosi tratti con torri, feritoie e merlatura. Affascinante per lo spettacolo paesaggistico è il pianoro dove un tempo sorgeva il Castello.
L’economia della cittadina, essenzialmente agricola, vanta produzioni di agrumi e frutti di vario genere, oltre a olio e vini di grandissima qualità. La tradizione culinaria, molto antica, conosce, tra le numerose prelibatezze, i peperoni cruschi, i cavatelli con le rape, la trippa con le patate, la “tortiera” di patate cipolline e agnello, le “laganelle” con i ceci e le insalate di arance. Le feste principali sono quelle di Sant’Antonio Abate a gennaio, con i suggestivi falò per i vari rioni, di Santa Maria delle Grazie a luglio, di San Rocco ad agosto e quella patronale di San Maurizio a settembre.


GUARDA la MAPPA